Mediterraneo :: Leggi argomento - Luci del Nord
   
  FAQ Cerca Lista utenti Gruppi Profilo Registrati Log in  
     
 
Luci del Nord

 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Saghe e Leggende
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Kiria



Registrato: 29/03/08 21:15
Messaggi: 125

MessaggioInviato: Mer Mag 14, 2008 11:35 pm    Oggetto: Luci del Nord Rispondi citando

Era una notte estremamente silenziosa, l’aria tersa e cristallina, il cielo mantato di stelle. Kiria avanzava lentamente tra gli alberi, con il viso rivolto verso quell’immensità che la sovrastava; lasciava che il vento le accarezzasse il volto con il suo tocco gelido, mentre ascoltava i passi del suo cavallo che affondava le zampe nella soffice neve. Conosceva perfettamente la strada attraverso quel labirinto di alberi e ghiaccio, anche se non l’aveva più percorsa per tanti anni le sembrava rimasto tutto così immutato, come se il tempo non passasse mai in quell’estremo nord.
Arrivata vicino alla riva si fermò e iniziò a preparare il solito giaciglio, Sami appariva più inquieto del solito, forse percepiva la sua angoscia…Gli diede qualche mela e l’accarezzò a lungo, finchè l’animale non si fu calmato e iniziò a sonnecchiare. La donna allora preparò il sacco a pelo, spense il fuoco, e andò a sistemarsi vicino a quel cavallo dal manto candido che aveva deciso di seguirla tanto tempo fa, sacrificando la sua libertà per proteggerla e starle accanto in qualsiasi situazione. E così lei gli aveva dato il nome del fratello, quel fratello che aveva perso quand’era ancora bambina, l’unico di cui ricordava ancora perfettamente i tratti del volto. Erano morti tutti in quella lontana notte d’inverno, tutti tranne lei; ed erano morti proprio lì dove adesso non c’era più nulla, solo la neve ed il vento.
La giovane ranger rimase per un po’ a fissare il cielo sopra di lei: attendeva che vi si accendessero quelle fiamme colorate che aveva visto tante volte da bambina, le luci astrali che danzano nel cielo. Desiderava solo che quelle luci le togliessero il fiato, che le facessero dimenticare tutto ciò che la tormentava, desiderava essere tutt’uno con quel cielo, e perdersi in quella terribile bellezza.
Ma nel silenzio i ricordi tornavano ad assillarla, e non voleva addormentarsi troppo presto, perché di sicuro sarebbe sopraggiunto di nuovo quel sogno, sempre quello stesso insopportabile incubo che aveva il sapore di un nefasto presagio. Le bastava chiudere gli occhi per vedere quel volto indistinto affiorare tra le fiamme, un volto che doveva essere quello di suo padre, e che le pronunciava parole che non poteva comprendere. Poi le fiamme si levavano sempre più alte, fino a sciogliere i ghiacci e farli sprofondare in un abisso. Allora l’oscurità si dissipava, un uomo con occhi di fiamma la fissava con insistenza, e dietro di lui apparivano delle tombe sul terreno innevato, logorate dall’incessante scrosciare di una pioggia gialla battente.
Restava sempre come stordita e annientata dopo queste visioni. Era così che i suoi defunti le parlavano? E cosa volevano veramente? Non riusciva a distinguere l’incubo dai frammenti di una realtà passata che riaffioravano attraverso queste visioni, ma più ci pensava e più la attanagliava un senso di angoscia incurabile, e sapeva che non se ne sarebbe andata finchè non avesse finalmente capito cosa doveva fare della sua vita.
Temeva che i suoi avi le chiedessero vendetta attraverso quei sogni, ma lei era solo una bambina quando furono tutti sterminati, come poteva sapere cos’era successo davvero? Quando era tornata a casa aveva trovato la strage compiuta, e il terrore l’aveva spinta lontano, sempre più lontano. Poi la fame si era impadronita di lei, e la sopravvivenza era diventato l’unico dei suoi pensieri. Gli anni erano passati in fretta, la natura era diventata la sua casa, e aveva imparato a vivere con poche pretese, inserendosi in quell’equilibrio che regola la vita degli esseri semplici, proprio come fanno gli animali.
E adesso che era tornata alla civiltà e che aveva imparato così tante cose del mondo in così poco tempo, cominciava lentamente a ricostruire i pezzi del suo passato, e tutti i frammenti si allineavano con troppa facilità. Non poteva esserne totalmente sicura, ma forse aveva finalmente capito cos’era successo davvero alla sua famiglia: ricordava la tensione di quegli ultimi giorni, come se qualcosa di tremendo dovesse succedere, e ricordava quella parola proibita che però tutti cautamente sussurravano…Valkhon. Possibile che fosse quella la verità? Possibile che la sua gente fosse morta a causa di sospetti che macchiavano la sua tribù e che avevano attirato la furia dei Valarkos di Himring?
Kiria si strinse nel sacco a pelo e cercò di trattenere quel pianto nervoso che l’aveva assalita d’un tratto. La sua famiglia non meritava quella fine…e lei stessa non meritava di vivere rinnegando il suo passato. Quella gente sarebbe rimasta per sempre senza un nome, nessun bardo avrebbe potuto mai cantare le loro gesta, nessuna canzone commemorare la loro scomparsa.
Rimaneva soltanto lei, e la consapevolezza di aver scoperto la verità non le dava pace. Si sentiva impotente e incapace di compiere quel destino che i suoi avi reclamavano.
Adesso le lacrime scendevano, ma il vento le rubava furtivo prima che potesse accorgersi di star davvero piangendo. E piangeva perché ora pensava al volto del capitano, ai suoi occhi fieri che le avevano fatto capire di desiderarla, alla sua voce perentoria, alle sue spalle robuste che l’avevano fatta sentire sicura e protetta. Lui era l’incarnazione di tutto ciò che lei amava della sua terra: il ghiaccio inattaccabile, il gelo perenne, la forza di una natura più indomita e più splendida che in ogni altro luogo della terra. Lei lo aveva respinto…certo, come aveva fatto con qualsiasi uomo, perché anche lei non è nient’altro che ghiaccio in fondo. Ma vicino a lui si era sentita a casa, forse per la prima volta in vita sua. L’ironia del destino non poteva essere più amara.
Poteva essere così infame da tradire le sue origini e la sua storia? Poteva davvero vivere portando questo peso? Fingendo anche a se stessa di non conoscere la verità? Le sembrava di impazzire, attanagliata da tutti questi pensieri ai quali non trovava risposte. Prese lo zaino e tirò fuori quei guanti in pelle bianca donatigli da Amenthes, le ricordavano le parole della divinatrice, così benevole e rassicuranti. E la immaginava al tempio a pregare anche per lei…per quella figlia dannata del grande nord. Ma certo, avrebbe parlato con Amenthes di tutto questo…forse lei la poteva capire, o per lo meno aiutare con la sua saggezza. Ma il coraggio…poteva trovarlo davvero?
Mentre riponeva lo zaino all’improvviso vide un bagliore riflesso sulla neve: alzò immediatamente gli occhi al cielo e le vide…le luci del nord, l’abisso di colori. Restò a fissare quell’immensità con gli occhi pieni dello stupore di una bambina. Mentre tutto intorno dormiva avvolto nel silenzio, l’aurora si era avvicinata, e lei era rimasta sola ad aspettare quelle fiamme nel cielo, quella meraviglia che riempiva totalmente il suo cuore, perché la faceva sentire parte di qualcosa.


_________________

"Ognuno degli angeli è tremendo..."
- Luci del Nord -


L'ultima modifica di Kiria il Mer Lug 16, 2008 4:05 pm, modificato 1 volta
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage ICQ
Kiria



Registrato: 29/03/08 21:15
Messaggi: 125

MessaggioInviato: Lun Mag 19, 2008 8:44 pm    Oggetto: Rispondi citando

Erano trascorsi alcuni giorni da quella notte tormentata, giorni passati a lavorare per ore, con il solo intento di non pensare a nulla. Ma ciò che si cerca di nascondere all’interno di sé stessi non fa altro che crescere a dismisura fino a divenire insostenibile, e questo Kiria lo sapeva bene: la perenne fuga dal suo passato non era mai servita a nulla.
Quel giorno era tornata ad Isanus per comprare alcuni attrezzi da lavoro, la città era affollata come al solito, e lei desiderava solo andarsene al più presto, tornare nei boschi e riposare. Ma quegli dei che fino ad allora avevano giocato con il suo destino, come un burattinaio con la sua logora marionetta, avevano ben altro in serbo per lei. Mentre stava per ripartire alla volta dei boschi all’improvviso venne bloccata da quella voce familiare, la voce del Capitano. Per lui provava ormai una sorta di attrazione e al tempo stesso di disprezzo: una situazione che sembrava senza vie d’uscita. Decise che era ora di risolverla una volta per tutte. Cercò di restare calma e di usare l’astuzia, avrebbe parlato con lui per tentare di aggiungere qualche elemento al puzzle che nella sua mente si andava delineando. Si sforzò per sembrare tranquilla e benevola, si fece seguire da lui nel bosco e preparò qualcosa da mangiare, esortandolo alla conversazione.
Parlarono a lungo della sua vita e del suo rapporto con la tanto amata patria, Kiria pensava ormai di avere la situazione completamente in pugno, quando si accorse di aver invece commesso un grave errore sottovalutando l’intelligenza del capitano. Infatti una notte di qualche tempo prima, durante una sbronza in locanda, lei aveva parlato troppo, dei suoi sogni, del suo passato, e lui non sembrava aver dimenticato. Adesso era lui ad averla in pugno: infine aveva capito i suoi sospetti nei confronti dei Valarkos. In un attimo l’agitazione le offuscò la mente, provò solo tanta rabbia, mentre cercava di aggrapparsi a una possibile vendetta. Ma Schwipps voleva ancora capire, sembrava disposto nonostante tutto ad aiutarla. Kiria si sentì il terreno franare sotto i piedi: ormai non aveva nulla da perdere, gli parlò di tutto quello che aveva ricostruito del suo passato, senza riserve; allora lui le propose di seguirla in un posto che forse le avrebbe dato le risposte che cercava, e lei accettò.
Cavalcarono a lungo, fino a terre innevate che sembravano celare parecchie insidie. Lui la avvisò della presenza di barbari ribelli che tendevano agguati in quelle zone sperdute e senza legge, nelle quali avevano stabilito il loro covo. Poco dopo infatti avvistarono un uomo che avanzava minaccioso, e sembrava vestire proprio come un valarkos: Kiria non fece nemmeno in tempo a capire cosa stava succedendo, vide solo l’ira del capitano abbattersi fulminea su di lui, che perì in un secondo sotto i colpi d’ascia impietosi.
Fu allora che Schwipps si decise a parlare, e le rivelò tutto quel che sapeva: ombre di un passato che Himring avrebbe preferito dimenticare, fantasmi di eventi che avevano impregnato il suolo del regno col sangue dei propri fratelli. Quasi nessuno conosceva quella verità così scomoda, una verità che però poteva cambiare molte cose per lei. Ascoltò il capitano che le parlava con tanta amarezza di quegli eventi, e tutto sembrava porsi sotto una luce nuova, tutto coincideva alla perfezione. Non le sembrava vero che la soluzione di tutti i suoi problemi fosse finalmente lì davanti ai suoi occhi, ma i racconti del capitano erano stati così convincenti che non poteva dissentire. Nessuno avrebbe mai potuto darle la certezza che le cose fossero andate proprio così, ma era così stanca di lottare con sé stessa, che decise di credergli ciecamente. Inoltre, poco distante sorgeva il covo di quei bastardi che avevano saccheggiato e ucciso senza ritegno: la vendetta era lì, brillava su un piatto d’argento davanti ai suoi occhi. Si armarono e si prepararono a fare incursione in quell’accampamento, la sua mente riacquistò in un attimo tutta la fredda lucidità necessaria ad affrontare il combattimento.
“Donna, se muoio lascia che sia la neve a coprire il mio corpo, e se gli dei lo vogliono, cosa che non credo, con la mia morte la tua vendetta sarà fatta.”
Non si aspettava quelle parole, voleva dire qualcosa ma non ci riusciva. Annuì, impugnò saldamente l’arco, e si lanciarono al galoppo. L’incursione prese i ribelli di sorpresa, ma alcuni si armarono in fretta e assalirono Schwipps. Il capitano vibrava colpi in ogni direzione, quei barbari cadevano come mosche al cospetto della sua furia. Kiria contò le frecce che si conficcavano nel cuore di quei codardi: una per ogni defunto del suo clan. Alla fine del combattimento rimase solo l’odore acre del sangue sparso, diede un’ultima occhiata a quella strage, poi prese una torcia e appiccò il fuoco alle capanne di legno. Il Capitano l’aspettava fuori, compiaciuto di tutto quel sangue versato in nome del suo Re.
Kiria si ricordò delle sue parole: in quell’inferno lui non era morto. Forse gli dei per la prima volta nella sua vita avevano voluto concederle una risposta. Decisero di tornare subito a Himring, a…casa.
Lentamente si faceva strada in lei la consapevolezza di una pace che mai aveva provato prima, quei luoghi familiari non le erano più ostili. Giunti in città incontrarono Amenthes, sembrava felice di vederla, e le regalò un’accoglienza che non si aspettava. Le disse che le voleva parlare, e la portò al tempio: in quel silenzio sacrale le raccontò un sogno, una visione che la riguardava. I tratti del volto di quella donna erano così giovani, ma i suoi occhi e le sue parole tradivano una saggezza che la intimoriva. Il messaggio che gli dei le avevano trasmesso era pieno di speranza: dimenticare un passato buio, vivere ciò che è stato in funzione del futuro che ci attende, e riconciliarsi finalmente con le proprie origini e la propria natura. Strano il destino, perché era proprio quello che le stava succedendo. La divinatrice le pose le mani sul volto e parlò in una lingua che non conosceva: la pace che provò in quel momento fu totale.
Quella sera si sedette accanto al fuoco e osservò la luna piena che regnava nel cielo, accendendo di bagliori argentei la neve candida. Ancora non sapeva cosa avrebbe fatto della sua vita, ma non c’era più nessuna lotta all’interno di sé stessa, solo un amore e una dedizione totali per la sua magnifica terra.


_________________

"Ognuno degli angeli è tremendo..."
- Luci del Nord -


L'ultima modifica di Kiria il Mer Lug 16, 2008 4:08 pm, modificato 1 volta
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage ICQ
Kiria



Registrato: 29/03/08 21:15
Messaggi: 125

MessaggioInviato: Ven Lug 11, 2008 5:10 pm    Oggetto: Rispondi citando

La furia del vento invernale avvolgeva la Nevosa, i fiocchi di neve danzavano in turbini tra gli alberi, e il cielo carico di nuvole si faceva sempre più plumbeo, non lasciando intendere che ora del giorno potesse essere. La donna avanzava con passo lento nella neve soffice appena caduta, completamente avvolta nel suo mantello bianco, mentre un lupo dal manto candido la seguiva a distanza: ancora troppo fiero e selvaggio per esserle totalmente fedele.

Accompagnando il ritmo cadenzato dei suoi stessi passi lasciava fluire i pensieri nella sua mente. Con lo sguardo perso fissava la distesa di bianco innanzi a sé, ma i suoi occhi vedevano ancora i colori dell’alba appena trascorsa in quel luogo lontano che tanto amava, e che per la prima volta aveva condiviso con qualcuno. Le sue labbra tradivano i suoi pensieri con un sorriso lieve, mentre si stringeva nel mantello come a voler rievocare il calore provato.
"Tu sei stata il richiamo alle mie origini"
In vita sua non aveva mai avuto davvero bisogno della compagnia delle persone: la natura le dava tutto ciò che le serviva per vivere e le riempiva il cuore con la sua bellezza. Ma negli ultimi tempi stava cambiando: il vuoto che sentiva non era più dovuto al suo passato, perché adesso aveva trovato una nuova famiglia. C’era qualcos’altro che le mancava, anche se non voleva ammetterlo, perché quella debolezza minacciava la sua integrità, la sua garanzia di bastare a sé stessa.

Giunta in prossimità di una macchia d’alberi arrestò il passo, prese la sacca che portava con sé e ne estrasse un foglio di pergamena arrotolato e fermato con un nastro di stoffa viola. Lo aveva preparato con cura quella mattina, seduta ad un tavolo nel caldo della taverna, scrivendo con mano libera ma precisa. Si avvicinò al tronco di un albero scostandone i rami, poi, trovata un’insenatura nel legno, prese una freccia dalla faretra e con forza la conficcò nel tronco, fermando così il nastro che legava la pergamena.

Affido a te Rheias queste mie parole, perché quel che provo non so esprimerlo in altro modo. Voglio che le custodisca il cuore della terra di cui mi sento parte e che ho promesso di proteggere: la terra che in passato mi ha tolto tutto, ma ora mi dona qualcosa di ancora più grande.

Pronunciate queste parole si allontanò dall’albero, i rami tornarono al loro posto celando il suo segreto. Diede un’ultima occhiata alla neve che continuava a scendere ricoprendo le tracce del suo passaggio, e si avviò con passo svelto verso la città in cui l’aspettava la sua gente.

------------------------------------------------------
Parole come pietre nella mia bocca.
La verità che acceca e mi sovrasta.
Per superare tutto questo
sono diventata una cosa sola
con la quiete immobile del gelido inverno.

Se tu non mi vedi rimarrò nell’ombra
fino a che verrà il mio tempo
per essere ricordata.
Ma chi sono io per meritare
di trovarti in questo bianco
e di essere infine trovata da te?

Le stagioni si alternano dentro di me.
Nuovi artigli incidono la mia pelle.
Il mio rifugio nella neve,
qui ho trovato il modo di sopportare
il freddo di questo vuoto dentro.

E ora che sei qui nella luce dell’alba
mi appare tutto così chiaro:
ti aspettavo da sempre.

K.

------------------------------------------------------


_________________

"Ognuno degli angeli è tremendo..."
- Luci del Nord -


L'ultima modifica di Kiria il Ven Nov 28, 2008 6:45 pm, modificato 2 volte
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage ICQ
Sheireen



Registrato: 25/05/07 05:08
Messaggi: 558
Residenza: Taormina

MessaggioInviato: Ven Lug 11, 2008 7:17 pm    Oggetto: Rispondi citando

Camminava lentamente cercando di scorgere nella distesa innevata i candidi e rarissimi fiori di Icelind.. Doveva trovarne almeno quattro o cinque per poter tentare di creare una medicina.. Sperava con tutto il cuore di poter salvare la sua anziana maestra...

Osservava con cura ogni albero, vicino alle radici, al riparo dalle intemperie, cercava i piccoli fiori..


Stanca si stese appoggiando la schiena ad uno dei possenti tronchi...
Chiuse gli occhi..Lasciò che la voce del vento, accarezzando i rami dell'albero le parlasse della Natura stessa....
Ad un tratto sentì l'albero trasmetterle qualcosa..
Un leggero dolore...
Aprì gli occhi e si alzò..
Nascosta sotto alcuni rami, conficcata nel tronco con una freccia trovò una pergamena..
Incuriosità iniziò a leggerla..
Sorrise lievemente ed appoggiò la fronte alla corteccia nodosa..
Sussurrò in una lingua antica:
"Parlami fratello... raccontami..."

Aprì nuovamente gli occhi e dopo aver ringraziato l'albero, prese una pergamena dallo zaino e con una calligrafia elegante scrisse alcune frasi..

"Dolce Anima..
Figlia delle nevi perenni..
Tutto ha un perchè..
Confida in te e nel tuo cuore..
Vivi una nuova primavera..
L'inverno è ormai passato..
Abbandona il vuoto che senti dentro...."


Rimase qualche secondo incerta e dopo aver scosso lievemente il capo aggiunse semplicemente


"Che la Dea ti benedica e la Natura ti protegga
A.I."

Prese le due pergamene e le mise nuovamente nascoste nell'incavo del tronco.... fissandole stavolta con un pò di resina sul nastro violaceo...


_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato ICQ
Kiria



Registrato: 29/03/08 21:15
Messaggi: 125

MessaggioInviato: Ven Nov 28, 2008 6:51 pm    Oggetto: Rispondi citando

Da quando la giovane ranger aveva deciso di seguire la via di Himring, la sua vita era cambiata sotto molti aspetti, le sue abitudini stravolte, ma assieme alle responsabilità e ai doveri aveva trovato finalmente anche la serenità.
Come in un giorno lontano la divina Amenthes aveva predetto, gli Dei l’avevano guidata su una strada piena di felicità, che le aveva fatto dimenticare tutto ciò che l’aveva afflitta in passato.
Alla Nevosa aveva trovato una grande famiglia: il sostegno dei suoi fratelli combattenti, la luce divina della somma Sacerdotessa, la guida del suo maestro Emris, e il conforto dell’uomo che l’aveva voluta testardamente al suo fianco, Schwipps, quello che adesso era il suo Re.

Le sue giornate trascorrevano lente e regolari ultimamente alla Nevosa. Ogni giorno Kiria salutava la venuta di una nuova alba con una preghiera a Gohrm, poi sellava velocemente il suo orso bianco Kaamos, e lo spronava attraverso i boschi innevati, per il controllo quotidiano che il suo ruolo di Guardiaboschi le imponeva.
Poi, quando il favore degli astri luminosi veniva meno, faceva ritorno alla sua amata città lungo il sacro fiume Orthan, svolgeva alcune commissioni assegnatele dalla sarta Faith, e infine si recava alla locanda sperando di rimediare una bevuta in compagnia.
Negli ultimi tempi c’era sempre molto movimento in città, e vedere tante giovani leve che un giorno avrebbero combattuto assieme a lei la riempiva di soddisfazioni. Così la sera si addormentava spesso serena, pensando che il destino del suo popolo non poteva che essere roseo, ora che aveva anche un nuovo Re giovane e determinato.

Ma nonostante tutto il suo legame più forte rimaneva sempre quello con la natura e con gli animali, e per servire il regno aveva spesso trascurato la maggiore delle sue doti. Decise allora di chiedere alcuni giorni di sospensione dal servizio, per recarsi nel nuovo continente e migliorare il suo rapporto con gli animali più indomabili. Ottenuto il permesso si imbarcò alla volta di Hision, e dopo un viaggio lungo e stancante approdò alle verdi coste di quel luogo ancora così incontaminato.
Con le prime luci del mattino si mise in viaggio verso nord, nei boschi al di là del fiume, fermandosi di tanto in tanto a controllare le tracce sul terreno, alla ricerca di qualche bestiola con la quale comunicare.

L’astro principale era già alto e luminoso nel cielo quando giunse al limitare di una foresta che sembrava molto più fitta di qualunque altra. Attraverso le fronde rigogliose degli alberi Kiria notò i movimenti di una strana creatura animale: non aveva mai visto nulla di simile, e decise di provare ad avvicinarla per osservarla meglio. Si fece strada tra gli alberi e gli arbusti che non rendevano affatto facile il passaggio, ma la creatura cominciò a retrocedere addentrandosi sempre più nella foresta.
Il caldo torrido e la nebbiolina umida rendevano quel luogo alquanto inospitale, ma la ranger non aveva intenzione di desistere, e avanzava cauta attraverso quella giungla di rami e foglie.
Sentiva i piedi affondare nel fango, e in lontananza risuonare echi di strani suoni, mentre avanzava sempre più incerta. Aveva ormai perso le tracce di quell’animale, e ora cercava di orientarsi per tornare sui suoi passi, ma il caldo la indeboliva e la lucidità veniva meno. Cercò di mantenere la calma, si sedette su un tronco caduto a terra, slegò la gorgiera che le dava l’impressione di soffocare, e bevve lunghi sorsi d’acqua.

D’improvviso il silenzio attorno a lei le parve quasi surreale…si guardò intorno ma vedeva solo una fitta boscaglia. Poi un fruscio: si voltò di scatto in quella direzione ma non riusciva a scorgere nulla. Le mani iniziarono a tremarle, quella situazione non le piaceva.
Impugnò l’arco puntandolo in tutte le direzioni freneticamente, eppur nulla si muoveva.
Poi un sibilo molto acuto, un istante impercettibile, e nella sua gola si conficcò una freccia che emanava uno strano odore. Fu l’ultima cosa che vide.
Sentì il suo corpo cadere a terra con un tonfo sordo, impossibile reagire.
Le sembrava di fissare ad occhi sbarrati il cielo sopra di lei, eppure non vedeva altro che oscurità. Rimase cosciente ancora solo per pochi istanti.
Per un attimo le parve di vedere il cielo terso del nord nelle gelide giornate d’inverno, e il manto candido di neve soffice sotto di lei. Pregò perché il vento forte che soffiava nelle terre innevate la portasse via da lì, verso casa, verso quelle braccia che la potevano stringere forte.

Poi non sentì più nulla. I sensi l’avevano abbandonata.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage ICQ
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Saghe e Leggende Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi


Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it